Dicono di noi

IL PERSONAGGIO Il signore dello sgombro sott'olio

on 27 Agosto 2008. Pubblicato in Numero 76 del 28/08/2008

Pasqualino Famularo ha ereditato l’azienda del padre: da 60 anni il pesce in scatola prodotto a Lampedusa tonnofamularo_9040.jpgporta il loro nome

Il signore
dello sgombro
sott'olio


Da 40 anni passione e amore per il lavoro sono gli ingredienti che hanno portato la famiglia Famularo a diventare i maggiori produttori di sgombro sott’olio dell’isola di Lampedusa. Prima il padre, Gaetano, che fondò nel 1942 l’azienda e ora Pasqualino, che fin da piccolo aiutava il padre apprendendo così i segreti della lavorazione del pesce.
Metodologie di lavoro ancora artigianali per mantenere il gusto genuino e originale del pesce.
L’impresa all’iniziodella metà del secolo scorso era una delle poche risorse economiche dell’isola, lavoravano uomini, donne e anche bambini, e ancora oggi il personale dell’industria è quello di cinquant’anni fa, passato da padre in figlio, nel 1981 non è cambiato nulla delle originarie tecniche di conservazione.
La lavorazione dello sgombro è la più antica tra quelle presenti a Lampedusa, rappresenta da sempre una fonte inesauribile di ricchezza per i pescatori isolani. Viene pescato da aprile a novembre sia dalle barche lampedusane che da quelle trapanesi che approdano numerose. Oggi all’opera ci sono circa 30 persone, ma l’iter di lavorazione non è mai cambiato, il pesce è lavorato completamente a mano.
famularo_8969.jpgPrima l’arrivo dello sgombro, privato della testa e poi bollito, viene pulito e sfilettato “a lama di coltello”. Dopo la sterilizzazione e una successiva fase di stagionatura, che dura circa 5 mesi, i filetti di sgombro inscatolati ad uno ad uno e oliati possono essere esposti negli scaffali per la vendita al pubblico. Giornalmente vengono prodotte circa 150 scatole da 3 chili ciascuna, e poi “tutto dipende dalla richiesta - spiega Pasqualino Famularo -, lavoriamo molto con i turisti e grazie al passaparola, fino ad ora non abbiamo mai speso un centesimo in pubblicità. È un’impresa familiare, ci conosciamo tutti da anni, ma continuare ad essere imprenditori in quest’isola è una sfida difficile”.
Lo sgombro sott’olio è solo una delle specialità della ditta Famularo, vengono prodotte anche acciughe, pesce spada e tonni, sempre stando fedeli alle metodologie di lavoro tradizionali.
Accompagnato dai legumi ad insalata, o con la pasta, lo sgombro sott’olio ha un sapore fresco, è un pesce azzurro e contiene grassi insaturi, aiuta ad abbassare il colesterolo.


Aurora Pullara
(foto Petyx)

A Lampedusa alla corte di Pasqualino Famularo
Re Tonno e i suoi fratelli
di Giancarlo Roversi Ci sono dei personaggi che se non esistessero bisognerebbe inventarli. La frase è scontata, è vero, ma per Pasqualino Famularo di Lampedusa si può fare un eccezione. Perchè è uno di quegl'ingegni purissimi che si pongono interamente a servizio dell'eccellenza, della qualità, per soddisfare quel nume vanitoso e capriccioso che è il nostro palato. E per raggiungere meglio questo nobile fine ha mobilitato la moglie Maria e tutta la sua famiglia, amici e parenti compresi. Solo così, lui che ha il sapore del mare nel sangue per antiche radici isolane e che racchiude nei suoi cromosomi un'antica vocazione ittica, riesce a ottenere i prodotti inimitabili nel settore conserviero. Prodotti che hanno per protagonisti il tonno, il pesce spada, lo sgombro, la ricciola, le acciughe, i calamari, i polpi, le orate, le spigole, le lampughe e altri pesci di pregio catturati nelle acque incontaminate che incorniciano Lampedusa, l'isola nell'isola.

Il tutto impreziosito da altre tipiche specialità locali, come la bottarga, i sughi e i patè a base di finocchietto selvatico, olive, peperoncino, uova di ricciola o di tonno, fegato di pesce spada, lattume, salsiccia di tonno... e un repertorio di altre straordinarie ghiottonerie che fa strabuzzare gli occhi e mette appetito.
Se fossero ancora sul trono quegli straordinari sovrani che furono i Borboni del Regno delle Due Sicilie, ingiustamente calunniati da storici miopi, nessuno meglio di Pasqualino Famularo meriterebbe il titolo di Principe di Lampedusa e di Gran Maestro del Sovrano Ordine del Tonno con l'aggiunta del Baronato della Ricciola. Anche perchè i Borboni amavano molto il pesce di queste parti.
Ma Pasqualino può fare a meno di questi titoli altisonanti perchè le sue medaglie e i suoi trofei se li è conquistati sul campo grazie alla sua indomabile passione per l'arte della lavorazione del pesce, ma esclusivamente quello senza rivali di Lampedusa. E' un autentico artigiano del mare che delizia la gola di chi ha la fortuna di venire alla sua corte oppure di assaggiare i suoi prodotti ormai conosciuti dai palati più esigenti di mezzo mondo.
A iniziarlo ai segreti delle conserve ittiche è stato il padre Gaetano che, facendo tesoro di un antico patrimonio di esperienze, nel 1942 fondò a Lampedusa uno stabilimento ittico destinato alla trasformazione artigiana del pescato in modo da conservarne tutta la genuinità. Nacque così un'impresa dal carattere assolutamente familiare, in cui uomini, donne e ragazzi della Lampedusa povera e aspra di quei tempi trovavano lavoro.

Alla sua morte, nel 1981, il figlio Pasqualino, che fin da bambino aveva affiancato il padre, prese in mano le redini della gestione, mantenendo intatto il procedimento di genuinità che costituisce il segno distintivo dell'azienda. Grazie al suo estro e al suo entusiasmo la produzione si è diversificata e arricchita per soddisfare le nuove esigenze dei buongustai, nel rispetto più severo della tradizione artigiana e col rifiuto altrettanto severo di ogni compromesso coi conservanti, come atto di riguardo verso i consumatori.
Col passare degli anni alla tradizionale lavorazione dello sgombro si sono affiancati via a via quella di acciughe, tonno, pesce spada, ricciola, cernia, dentice, orata, spigola, calamari, polpi... senza dimenticare un'inimitabile produzione di bottarghe, paté e diversi affumicati che rappresentano vere e proprie irresistibili tentazioni per i più raffinati gastrofili.
Qualità, passione, amore per il proprio lavoro. Questo è il segreto ma anche il motto di Pasqualino Famularo che gli consente di portare ogni giorno sulla grande tavola dei gourmet prodotti che conservano immutato il sapore del mare. Il mare è quello caldo e limpido di Lampedusa, che la generosità di madre natura ha reso pescoso e che la tenacia degli isolani ha saputo sfruttare per secoli, tramandando di padre in figlio le tradizionali tecniche di trasformazione e conservazione.
In questi 60 anni nulla è cambiato nei sistemi di lavorazione del pescato locale. Così, oggi come ieri, l'azienda lavora il pesce con immutata cura e maestria per proporre prodotti esclusivi dal sapore unico. Perchè Famularo riesce a quintessenziare dai pesci tutte le più delicate e nascoste sfumature gustative. Questo è il suo segreto..

http://archivio.mensamagazine.it/articolo.asp?id=551.

Le eccellenze siciliane. Pasqualino Famularo e signora, 80 specialità di pesce conservato che arrivano ovunque

Le eccellenze siciliane le trovi ovunque, anche a Lampedusa. Ma non solo quelle che arrivano sui giornali, ricevono riconoscimenti, onori e ruoli privilegiati. Sono piccoli imprenditori quasi invisibili che scalano le montagne: arrivano nel cuore dell’Europa con i loro prodotti senza che alcuno abbia sentore della loro esistenza. Pasqualino Famularo è un signore di 60 anni pieno di energia che ha ricevuto dal padre una piccola fabbrica di conservazione dello sgombro e delle acciughe ed a 18 anni ha cambiato vita, gettandosi a capofitto nell’impresa e facendone, giorno dopo giorno, una “industria del pesce conservato” con ben 80 specialità che arrivano sulle tavole di tante famiglie in Europa e nell’Italia del Nord.

Pasqualino Famularo si è fatto da sé, è rimasto un ruspante lampedusano che lavora quattordici ore al giorno e che si danna l’anima per arrivare lontano. Ha le idee chiare e, soprattutto, una moglie che in cucina sa il fatto suo. Le specialità di Pasqualino nascono dall’inventiva della signora Maria Turco.

Una coppia straordinariamente unita. Lei, in verità, non si accontenta di essere la moglie e il socio importante dell’impresa, ma è anche la madre, la consigliera, l’amica. Insomma, tutto.

Li incontriamo a Praga nel corso di un workshop organizzato dalla Camera di Commercio e dal Consorzio Euromed di Palermo. Attorno al loro tavolo c’è una piccola folla in permanenza. Mangia le deliziose specialità di Pasqualino offerte dalla signora Maria. Chiunque assaggi qualcosa viene osservato dalla signora con l’attenzione che si ha per una persona cara alla quale si è appena consegnato un regalo. Vuole cogliere dalle espressioni degli ospiti il successo della propria pietanza.

Signor Famularo come vanno gli affari?

“Non posso lamentarmi, ringraziando Dio, anche se non mancano i problemi”.

Quali problemi, signor Famularo? Lei ha accanto una straordinaria collaboratrice, sono tutti incantati dalle sue specialità…

I problemi non vengono dalla mia impresa, vengono dal luogo in cui svolgo il mio lavoro.

Ma se lei non si trovasse a Lampedusa, il suo pesce non sarebbe così buono…

“Giusto, ma i problemi ci sono”.

Quali?

“Vorrei parlare di ciò che produco, se non le dispiace. I problemi li faccio sapere in seguito. Va bene?

Va bene signor Famularo.

"Allora, comincio dal salame di tonno, una cosa squisita. Poi c’è la ricciola affumicata, le uova di ricciola, la ventresca di tonno, il finocchietto locale e poi…

Poi che cosa?

“La bomba afrodisiaca, il viagra a base di sardine. Ma di questo non voglio parlare, bisogna solo provarlo. Non posso elencare ottanta specialità. Non saprei nemmeno scegliere le più buone, sono affezionato a tutto ciò che faccio. E sa perché? Non c’è nessuno che mi abbia mai detto: Pasqualino, questo non va bene”.

I problemi di Lampedusa?

“Lo Stato è assente. Il gasolio è più caro che altrove, i trasporti sono più cari, l’elettricità costa di più. Ci avevano promesso una piccola area industriale dove fare nascere le nostre fabbrichette, ma non se n’è fatto niente. E i miei figli non vogliono abitare a Lampedusa. Non ci sono scuole adatte. Ho tre figli, il maschio avrebbe voluto fare informatica. E dove poteva farla? Ma non è questo. I ragazzi non resistono nell’isola. Vorrei che rimanessero con me, che prendessero in mano la mia azienda, ma è difficile, e poi non si può certo imporre ai ragazzi la vita”.

E’ scontento, dunque?

“Nemmeno per idea, basta guardare mia moglie. Lavora, è competente. Non fosse per lei… Ma i problemi non sono tutti qui. Le tasse sono alte, non sento la fatica, sento il fiato sul collo dello Stato. Mi sembra una ingiustizia, siamo super-controllati. Per carità, la legge è legge e va rispettata, ma noi ci leviamo la vita e paghiamo tutto il doppio. Eppure stiamo facendo miracoli, ci cominciano a conoscere ovunque. Quando assaggiano il mio pesce non mi lasciano più”.

Che cosa le serve?

“Abbiamo bisogno di una scuola alberghiera, per esempio”.

Per lei, intendo.

“Ci servirebbe un occhio di riguardo. Dovrebbe averlo lo Stato un occhio di riguardo. Non solo controlli e tasse, ma aiuto, servizi. Quanto a me, ho tutto. Mi mancano i figli, ma ho una moglie che fa per quattro. E’ la mia fortuna”.

http://archivio.siciliainformazioni.com/wine-food/le-eccellenze-siciliane-pasqualino-famularo-e-signora-80-specialita-di-pesce-conservato-che-arrivano-ovunque/

A TAVOLA CON PASQUALINO FAMULARO
Dallo sgombro al pesce spada, seguendo l’antica tradizione marinara
Un autentico artigiano del mare, innamorato del proprio lavoro. Da quasi 50 anni Pasqualino Famularo lavora il pesce con ingredienti naturali preservandone la genuinità nel tempo. Il sapore del mare, quello caldo e trasparente di Lampedusa, che la natura ha reso pescoso e che l’ingegno umano ha saputo sfruttare per secoli, rivive nei prodotti curati con estro e fantasia dalle mani esperte di Pasqualino. Con il passare degli anni, alla tradizionale lavorazione dello sgombro iniziata nel 1942 dal padre Gaetano, s’affiancano quelle di acciughe, tonno, pesce spada, ricciola, cernia, dentice, orata e spigola, senza tralasciare un’inimitabile e variegata produzione di bottarghe, paté e affumicati vari, sapori irrinunciabili per il palato. Su richiesta spedizioni in tutto il mondo.
http://www.globetrottermagazine.it/primo-piano/lampedusa-denuncia-crisi-turismo-per-labbandono-delle-istituzioni/

Scoperto a Lampedusa il Viagra naturale
 

In molti paesi del mondo si producono creme e patè che hanno alla base ingredienti come peperoncino e varie spezie; erbe; passion fruit o altri frutti in particolare di provenienza tropicale ai quali si attribuiscono poteri rinvigorenti.

L’Italia non è da meno, in alcune regioni del sud questa produzione è particolarmente sviluppata.

Sull’Isola di Lampedusa “la bomba afrodisiaca”, da spalmare su bruschette o crackers nella ricetta di Pasqualino Famularo, è composta con le materie prime di produzione e pesca locali, come acciughe al 57%, peperoncino al 2%, oli di oliva 2%, sale 2%, origano 1%, capperi 12%, aromi naturali.

Pasqualino Famularo la chiama “Viagra naturale” o, nella sua variante enfatica, “bomba afrodisiaca”. Giura che dopo dieci minuti dall’assunzione, magari con il proprio partner, si è pronti e ben disposti a soddisfare il proprio bisogno di “amore”.

Non sono uno scienziato, né un chimico, biologo o medico. Non faccio diavolerie io, penso alla salute mia e degli altri e voglio che tutti stiano bene…”, esordisce Pasqualino Famularo. “La mia bomba afrodisiaca è… a prova di bomba, scommetto qualunque cifra sugli effetti”.
http://www.castelvetranoselinunte.it/viagra-naturale-lampedusa-famularo/16788/#testoarticolo

I SAPORI DELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO IN FRANCIA

Presentati a Parigi nella prestigiosa sede di “Casa Sicilia” alcuni prodotti ittici mediterranei naturali e lavorati in un convegno organizzato dalle Camere di Commercio di Agrigento,Palermo e Trapani.
di Nino Reginella

L’iniziativa, ha in primo luogo voluto far conoscere alcune specie di pescato proveniente dal Mediterraneo, nel tratto di costatra Licata, Porto Empedocle e Sciacca. Si è parlato del gambero rosa, del tonno, del pesce spada e come alcune qualificate aziende siciliane riescono, selezionando le parti più consistenti e di migliore pregio, a lavorarli artigianalmente riuscendo ad ottenere così un ottimo risultato qualitativo capace di entusiasmare il gusto dei consumatori divenuto negli anni sempre più esigente, come fà da tempo l’azienda ittico conserviera “Famularo Pasqualino”di Lampedusa.

Presentati a Parigi nella prestigiosa sede di “Casa Sicilia” alcuni prodotti ittici mediterranei naturali e lavorati in un convegno organizzato dalle Camere di Commercio di Agrigento,Palermo e Trapani.
di Nino Reginella

L’iniziativa, ha in primo luogo voluto far conoscere alcune specie di pescato proveniente dal Mediterraneo, nel tratto di costatra Licata, Porto Empedocle e Sciacca. Si è parlato del gambero rosa, del tonno, del pesce spada e come alcune qualificate aziende siciliane riescono, selezionando le parti più consistenti e di migliore pregio, a lavorarli artigianalmente riuscendo ad ottenere così un ottimo risultato qualitativo capace di entusiasmare il gusto dei consumatori divenuto negli anni sempre più esigente, come fà da tempo l’azienda ittico conserviera “Famularo Pasqualino”di Lampedusa.

Lampedusa a tavola

( Pasqualino Famularo)  Passione, dedizione e amore per la mia terra e per il mio lavoro sono questi gli elementi essenziali che quotidianamente mi danno la forza per andare avanti e far andare avanti la mia azienda nata nel lontano 1942 grazie a papà Gaetano e che oggi conduco io con grande maestria. Grazie a mio padre che con la sua lungimiranza ha saputo industrializzare grazie alle personali tecniche di conservazione del pesce e che conserva ancora oggi la genuinità e la bontà sulle nostre tavole.

Tengo a sottolineare che tutti i processi aziendali avvengono come un tempo ovvero manualmente, dalla pulizia del pesce fino ad arrivare all’etichettamento di questi miei prodotti conservati con cura che deliziano i palati dei nostri affezionati clienti e di coloro che provano le nostre prelibatezze e che rimangono legati ai prodotti e alla professionalità che ci contraddistingue.

Offriamo svariati prodotti dal tonno al naturale, tonno affumicato, cernia, dentice, sgombro, spigola, acciughe, alici, uova di ricciola, uova di sgombro, pesce spada affumicato, i nostri pregiati patè e le prelibatezze dei nostri sughi e tantissimi altri prodotti.

La mia azienda cerca di migliorarsi e perfezionarsi sempre più, i risultati si sono visti grazie ai riconoscimenti che si sono avuti con le trasmissioni televisive che mi hanno coinvolto in prima persona: da Linea Blu, Uno mattina, Il sabato del villaggio, La prova del cuoco e ai lusinghieri articoli su prestigiosi quotidiani come il “Corriere della sera”, “La Repubblica”.

Cerco di dare visibilità si ai miei prodotti, ma sopratutto all’intera isola e inoltre invito tutti colorio che lo vorranno a visitare in nostro sito internet “WWW.FAMULARO.IT” dove potrete effuttuare ordini su tutti i nostri prodotti.

http://archivio.siciliainformazioni.com/wine-food/lampedusa-a-tavola/

 
 
 
 
 

Pasqualino Famularo +

 

 

Il tonno per le sue proprietà è un toccasana dell'organismo umano: è ricco di omega 3, proteine, vitamine e fosforo che sono elementi fondamentali per un buon funzionamento del sistema nervoso.

 

 Tonni

 

Nel mare pulito di Lampedusa i pescatori adottando la tecnica notturna del sanciolo (attrazione dei branchi con le lampare e contemporaneo accerchiamento con le reti), riescono a catturare le prevalenti varietà di tonni Yellofin, Blufin, Ala lunga che nei mesi di maggio e giugno sono in transito.

 

In una sola giornata, appena pescato, viene pulito, bollito, tagliato e sfilettato al coltello dalle esperte mani degli addetti dell’Azienda Ittica Pasqualino Famularo e depositato in vasetti e lattine senza aggiunte di conservanti.

 

Dopo il giusto periodo di stagionatura le confezioni di tonno vengono messe in commercio.
Le confezioni una volta aperte, si possono conservare in frigo per una decina di giorni se ricoperte da olio.

 

Una gamma di circa quaranta preparazioni gastronomiche in vari formati e confezioni accontentano gli amanti del tonno che possono scegliere fra quelle in olio di oliva, al naturale o con erbe, ortaggi e spezie locali: origano finocchietto, capperi, peperoncino, pomodorini.

 

Inoltre dal tonno si ottengono confezioni di ventresca, busonaccia, cuore, fegatini, lattume, uova, salsiccia e affumicati.

- See more at: http://www.mondodelgusto.it/prodotti/1958/il-tonno#sthash.4d4Q376k.dpuf

Azienda Pasqualino Famularo, Isola di Lampedusa (Agrigento): Il Tonno: Il Tonno

 
 

Pasqualino Famularo +

 

 

Il tonno per le sue proprietà è un toccasana dell'organismo umano: è ricco di omega 3, proteine, vitamine e fosforo che sono elementi fondamentali per un buon funzionamento del sistema nervoso.

 

 Tonni

 

Nel mare pulito di Lampedusa i pescatori adottando la tecnica notturna del sanciolo (attrazione dei branchi con le lampare e contemporaneo accerchiamento con le reti), riescono a catturare le prevalenti varietà di tonni Yellofin, Blufin, Ala lunga che nei mesi di maggio e giugno sono in transito.

 

In una sola giornata, appena pescato, viene pulito, bollito, tagliato e sfilettato al coltello dalle esperte mani degli addetti dell’Azienda Ittica Pasqualino Famularo e depositato in vasetti e lattine senza aggiunte di conservanti.

 

Dopo il giusto periodo di stagionatura le confezioni di tonno vengono messe in commercio.
Le confezioni una volta aperte, si possono conservare in frigo per una decina di giorni se ricoperte da olio.

 

Una gamma di circa quaranta preparazioni gastronomiche in vari formati e confezioni accontentano gli amanti del tonno che possono scegliere fra quelle in olio di oliva, al naturale o con erbe, ortaggi e spezie locali: origano finocchietto, capperi, peperoncino, pomodorini.

 

Inoltre dal tonno si ottengono confezioni di ventresca, busonaccia, cuore, fegatini, lattume, uova, salsiccia e affumicati.

- See more at: http://www.mondodelgusto.it/prodotti/1958/il-tonno#sthash.4d4Q376k.dpuf
facebook twitter google+ youtube tumblr
pagamenti

Copyright © 2017 Lampedusa a Tavola S.r.L. unipersonale - P.I. 02814040842 - Capitale Sociale: 38.000 Euro I.V. Powered by Zen Cart - Il tuo indirizzo IP è: 54.158.214.111